«La mia pensione si chiama E.T.»

etL'intervista completa a Henry Thomas la trovate sul numero di Vanity Fair in edicola: eccovi un estrattoQuando gli chiedono come fece a volare a bordo di quella bicicletta stampata sulla luna piena, nel cestino quel piccolo alieno rugoso, lui ama scherzare: «Era una tecnologia nota da tempo». Ma quello che Henry Thomas non ha mai rivelato prima, e che oggi finalmente racconta, è che i guai per lui cominciarono quando smise di pedalare nella notte stellata e tornò nella sua scuola media del Texas.

Nei cinema di tutto il mondo E.T. era un enorme successo, i bambini si identificavano nel piccolo Elliott da lui interpretato, ma in classe i compagni lo maltrattavano: «Ero un bersaglio facile: tutti cercavano di mettermi la testa nella tazza del cesso e tirare lo sciacquone. Forse era gelosia, forse solo che eravamo ragazzi: non capivano perché ero tornato a scuola dopo tutto quel successo. Dovetti chiudermi in casa per un po', e provai anche l'homeschooling per paura di varcare la soglia della scuola: fu dura, ma poi le cose migliorarono».

Che fine hanno fatto i protagonisti di Blade Runner? Guarda la gallery della rubrica Ieri e Oggi.

Sono passati trent'anni dall'uscita del capolavoro di Spielberg: il piccolo Elliott ora ha 40 anni, vive con la moglie e tre figli a Los Angeles, coltiva fiori nel giardino che circonda il garage dove suona con la sua band rock e ha finalmente fatto pace con l'avventura che gli ha cambiato la vita: «A volte ho rimpianto l'essere stato il bambino di E.T.: ora sono orgoglioso di avere preso parte a un film entrato nella storia del cinema».

Henry aveva 9 anni quando ha fatto il provino nell'ufficio di Steven Spielberg a Hollywood: «Ero un grande fan di Predatori dell'arca perduta: avere un ruolo in un suo film fu un sogno». E così nel 1981 iniziarono le riprese di A Boy's Life, come si chiamava in codice il progetto: «Spielberg aveva paura che gli rubassero l'idea, era ultraparanoico: tutte le sceneggiature erano numerate, e quando ne prendevi una dovevi firmare un documento».

Ecco i protagonisti del film Dracula di Bram Stoker, vent'anni dopo.

La persona con cui era in assoluto più facile lavorare era il pupazzo E.T. Era una creatura meccanica, ma quando attraversava la scena scivolando era animato a turno da un ragazzo di 12 anni nato senza gambe (Matthew De Meritt) e da due nani (Tamara Treaux e Pat Bilon) che amavano fare scherzi. Quando sul set passava una bella ragazza, E.T. faceva l'occhiolino. E poi ci fu la volta che il truccatore che spruzzava d'acqua E.T. per mantenere umida la sua carnagione si dimenticò di avere a che fare con un pupazzo e gli disse: «Volta la testa». L'operatore di turno lo sentì e, tra lo stupore generale, il pupazzo voltò la testa davvero.

Nessuno, su quel set, poteva immaginare che dopo l'uscita il film sarebbe rimasto nelle sale per un anno intero, cosa mai successa prima nella storia, o che avrebbe guadagnato nove Oscar, e incassato 800 milioni di dollari. Di quei soldi peraltro Henry ha preso una fetta minuscola: «Non avevo un agente, per il film ricevetti la paga base. I soldi vennero con le royalties sul marketing dei prodotti associati al film: se metti tutti assieme i pagamenti nel corso degli anni, fanno una discreta somma. Ogni tre mesi ricevo ancora un assegno: non è abbastanza per vivere, o per ritirarmi in pensione: diciamo che mi permette di scegliere i miei progetti».

Harrison Ford il 13 luglio ha compiuto 70 anni. Guarda le immagini con i suoi amori e film più famosi.

Ultimi post

Altri post >>