Che fine ha fatto Mauro di Francesco di Sapore di mare?

Mauro Di FrancescoMauro Di Francesco, detto Maurino, di storie ne ha da raccontare parecchie, ma se non fosse stato per un trapianto di fegato molto recente, non ne avrebbe avuto la possibilità. Nato nel 1951 da una sarta e di un direttore di palcoscenico per Tognazzi (suo padrino) e Bramieri, inizia a recitare sin da ragazzino. Carosello, TicTac, e parti al Piccolo con Strehler recitava ma inchiodava anche al palcoscenico le scarpe di Corrado Pani, che così doveva andare in scena scalzo. Perché per Maurino prima di tutto viene il divertimento.

Ed è questo che ha unito lui, Faletti, Teocoli, Boldi e Porcaro quando approdarono al mitico Derby di Milano, prendendo il posto di Cochi e Renato, Paolo Villaggio e compagnia. Il grande successo arrivò tuttavia al cinema, con le commedie degli anni ottanta Sapore di mare 2 - Un anno dopo, Ferragosto OK, Chewingum e i due Abbronzatissimi. È stato legato sentimentalmente per due anni all'attrice francese Pascale Reynaud da cui ha avuto un figlio, Daniel. In seguito, nel 1997, si è sposato con Antonella.

CHE FINE HA FATTO ALVARO VITALI?

Nella sua vita, costellata di aneddoti legati alla sua città, ha bruciato la candela da due lati, e soprattutto ha bevuto troppo. I suoi problemi con l'alcol sono cominciati presto e sono finiti solo davanti a una malattia gravissima che a 55 anni lo ha costretto a un miracoloso trapianto di fegato. Cosa rimane del ragazzo che gridava "Sei andata via Alina? E chi se ne frega!» non sappiamo.

Maurino dipinge quadri, scrive racconti (di recente è uscito il suo "La logica del paradosso") e ha progetti per il teatro, la sua vecchia passione. In televisione non lavora nonostante un'antica amicizia con il Cavaliere che data i tempi di Telemilano, quando conduceva Gol, un quiz a premi sul calcio con Barbara D'Urso e Patricia Pilchard come Vallette, e molti progetti come quello di un format dove coi vecchi compagni di cabaret danno lezioni di storia, geografia, filosofia. "Sarebbe un successo, ci scommetto" dice.

Stefano D'Andrea

Ultimi post

Altri post >>