George Clooney: se la mia vita fosse come dicono…

George Clooney con l'Oscar per Argo(KIKA) – LOS ANGELES – “Se uno vivesse veramente la vita che la gente gli attribuisce, sarebbe fantastico!”, così dice George Clooney a Io Donna.

In un’intervista esclusiva al magazine allegato al Corriere della Sera, in edicola il prossimo 2 marzo, l’attore parla a ruota libera di sé e dei suoi successi, ultimo in ordine di tempo l’Oscar ad Argo di cui è produttore.

Ma non solo vittorie, perché “non ricevi lezioni di vita dai successi, ma dalle sconfitte – ha spiegato Clooney, sempre legato a Stacey Keibler - Il fallimento, per quanto doloroso, è stato molto utile per la mia carriera. Dopo Batman & Robin, mi sono ripromesso di concentrarmi sulle sceneggiature. E ho imparato qualcosa. Certo, i fallimenti sono utili, ma non sono divertenti. Sarebbe bello segnare un goal tutte le volte che ti passano la palla”.

L’ex pediatra Doug Ross di E.R. ha parlato anche della sua ultima “fatica” cinematografica, il quinto film che affronta da regista: Monuments Men. Eroi alleati, ladri nazisti e la più grande caccia al Tesoro della storia: “E’ una storia affascinante che racconta un furto incredibile e pianificato! Hitler pensava: voglio costruire il più grande museo del mondo, poi vado a rubarmi tutta l’arte e lo riempio! È una lezione da imparare, pensando a quello che non abbiamo fatto in Iraq.”

Clooney ha poi specificato che non si tratta di un film politico ma della “testimonianza che abbiamo permesso il saccheggio dei musei e della storia. È molto dura essere privati del proprio passato. Ti fa male all’anima. L’arte lo rappresenta direttamente”.

Il film richiama e si ispira a pellicole del passato, come La grande fuga, il cinema che George amava e seguiva, ma “forse con un tocco di humour in più”. Lo stesso che usa sulla sua fama di playboy che, come dice la sorella Adelia, non si sposerà mai: “Ho impersonato più falliti e spostati che parti da attore principale: il fatto è che trovo questi personaggi più interessanti e poi, a 51 anni, bisogna cercarsi una nicchia che ti stia comoda. Invecchiare sullo schermo non è roba per gente delicata. Mi sono adattato, perché due sono le cose: invecchiare o schiattare!”

Clooney: Invidio la forma fisica di Ben Affleck E’ uno degli uomini più invidiati del mondo, ma si sa il giardino del vicino è sempre più verde e così George Clooney è geloso della forma fisica del suo amico Ben Affleck.

Ultimi post

Altri post >>