Marfa Girl vince il Festival di Roma 2012, bene anche E la chiamano estate

marfa-girl-vincitore-festival-di-roma-2012Il Marc'Aurelio d'oro è di Larry Clark! Questo è il verdetto della giuria presieduta da Jeff Nichols alla settima edizione del Festival Internazionale del Film di Roma. Trasgressivo, controverso, scandaloso, forse un po' ridondante ma pur sempre di vero cinema, 'Marfa Girl' non lo vedremo nelle sale, ma sarà distribuito soltanto on line sul sito del regista. Ma se questo suona come una notizia spiazzante, lo è ancora di più il premio per migliore interpretazione femminile a Isabella Ferrari e per miglior regia a Paolo Franchi entrambi per 'E la chiamavano estate'. Il film più discusso e meno amato del Festival porta a casa due premi importanti in barba alla stampa e ai detrattori del film italiano che ha ricevuti fischi anche durante la premiazione. Meritatissimo e condiviso da tutti il premio per la miglior sceneggiatura andato ai Fratelli Polsky per il loro 'The Motel Life' che si aggiudica anche il premio del pubblico BNL. Niente premio come miglior interprete, invece, per il protagonista della pellicola americana Stephen Dorff, andato a Jeremie Elkaïm per il bello 'Main das la main'.

Un altro transalpino ha ricevuto il premio come miglior emergente, si tratta dell'attrice Marilyne Fontaine per 'Un enfant de toi' di Jacqes Doillon. Premio speciale delle Giuria all'Italiano 'Ali ha gli occhi azzurri' di Claudio Giovannesi che ha dedicato il premio a tutti i figli d'immigrati come il suo protagonista. Inoltre, il premio come contributo tecnico per la migliore fotografia è andato a Arnau Valls Colomer per il messicano 'Mai morire'. Infine, nelle categorie Cinema XXI e Prospettive Italia, premiati come migliori lungometraggi Avanti Popolo di Michael Wabrmann e Cosimo e Nicole di Francesco Amato.

Leggi gli altri articoli di Yahoo! Multisala

Ultimi post

Altri post >>