Martin Scorsese denunciato da Cecchi Gori

La vita è sinceramente meravigliosa. Possiamo infatti svegliarci, una mattina, e scoprire che Vittorio Cecchi Gori ha denunciato Martin Scorsese. Possibile? Ebbene sì.

Ma andiamo con ordine. Vittorio Cecchi Gori e la  Cecchi Gori Pictures avrebbero investito oltre 750.000 euro in un progetto che Scorsese sogna di realizzare da oltre 20 anni. Parliamo di Silence, film tratto dal romanzo del giapponese Shusaku Endo, con al centro della trama le torture dell'Imperatore nipponico ai danni dei monaci gesuiti nel 1683.

[IL REGISTA DI DIE HARD RISCHIA UN ANNO DI CARCERE]

Peccato che Scorsese in questi ultimi due decenni abbia portato in sala tutt'altro tipo di film. Prima Kundun, poi Al di là della vita, Gangs of New York, The Aviator, The Departed, Shutter Island, Hugo Cabret ed ora The Wolf of Wall Street. E Silence? Sparito nel nulla. Non l'avesse mai fatto. L'ex Presidente della Fiorentina, ed ex Senatore della Repubblica, ha infatti denunciato il leggendario regista, come riportato dall'Hollywood Reporter.

La Cecchi Gori non può permettere che i diritti vengano ignorati o compromessi da altri slittamenti da parte di Scorsese e la Sikelia", sottolinea la querela, per una denuncia che potrebbe portare Scorsese a 'risarcire' Cecchi Gori, da oltre 20 anni in attesa di un film che continua ad essere posticipato.

Hugo CabretL'orfano Hugo Cabret vive nel suo nascondiglio segreto all'interno della stazione di Parigi. Il ragazzo, oltre a coltivare il sogno di diventare un grande illusionista, è deciso anche a portare a termine un'importante missione: riparare il prodigioso automa trovato da suo padre prima di morire. Hugo sopravvive con vari espedienti che usa anche per recuperare i pezzi utili a completare la sua opera finché, un giorno, incontra Isabelle, nipote di un giocattolaio e con lei affronterà un'affascinante e misterio

Ultimi post

Altri post >>