I migliori film di supereroi

Tra i migliori film supereroi come non ricordare l'Uomo Ragno?Tra i migliori film supereroi come non ricordare l'Uomo Ragno?Solo su Yahoo!

Altro che le tempeste spaziali elettromagnetiche, i ragni radioattivi, i bombardamenti di raggi gamma, la provenienza da un pianeta lontano, l'incarnazione in un dio della mitologia nordica. I veri superpoteri sono quelli della computer graphics. É la scatola magica — oggi, finalmente - del cosiddetto CGI (computer generated imagery) a rendere ogni cosa possibile sul grande schermo. A lasciare a bocca aperta i fan del fumetto e del super-eroismo in costume. Perché finalmente il cinema può raccontare con esattezza estetica e spettacolare le storie degli eroi nati sulla carta. Non è un caso che, nel numero dei migliori film di supereroi di sempre, i titoli più recenti la facciano da padrone. Eccone dieci.

Superman (1978)
Il primo film super-eroistico che seppe accentrare su di sé gli occhi del mondo e che, seppur ancora in epoca pre-CGI, divertì milioni di spettatori. Oggi, il "Superman" di Richard Donner è un titolo di culto, e i suoi effetti speciali (il production designer era lo stesso John Barry di "Guerre Stellari") vengono considerati un capitolo fondamentale nella marcia verso le mirabilie visive contemporanee. Ideato nel 1973, il film con il primo supereroe della storia del fumetto (di eroi mascherati ce n'erano, come il mitico Phantom, ma i super-poteri furono una novità) conquistò le sale solo nel 1978. Fior di registi furono sondati per dirigere "Superman", da Francis Ford Coppola a William Friedkin, da Richard Lester a Steven Spielberg. Ma la spuntò Donner.

The Avengers (2012)
Uno degli ultimi parti spettacolari del cinema super-eroistico, produzione nata dall'alleanza Disney/Marvel, mirabile resa su schermo di un vero e proprio mito del fumetto americano. Ecco, finalmente, i Vendicatori (nel gruppo Thor, Iron Man, Vedova Nera, Hulk, Occhio di Falco e Capitan America, tutti contro il perfido fratello di Thor, Loki, deciso a papparsi la Terra provocando un'invasione aliena. Una bella comitiva di super-eroi significa una pioggia di effetti speciali e di super-poteri. Difatti, si resta a bocca aperta: il film di Josh Whedon è quanto di meglio il cinema dei supereroi abbia prodotto a livello visivo.

Batman Begins (2005)
Christopher Nolan ripensa Batman per lo schermo e sforna un capolavoro. Più cupo e moderno che gotico, più crudo e tutt'altro che romantico. Il film è un reboot (riavvio) della saga, e narra le origini del personaggio affidandosi a un protagonista moderno come Christian Bale nel ruolo di Bruce Wayne e a un cast che ipnotizza: Liam Neeson, Gary Oldman, Michael Caine, Morgan Freeman, Rutger Hauer. Il secondo episodio "griffato" da Nolan - "Il cavaliere Oscuro — The Dark Knight" (2008) sarà ancora meglio del primo: Batman si fa più spettrale, e soprattutto i suoi nemici tolgono il sonno. A cominciare dall'agghiacciante Joker interpretato dal compianto Heath Ledger.

Spiderman (2002)
Finalmente, il caro vecchio Spidey. Si deve al regista Sam Raimi e all'uso delle meraviglie di computer graphics, la fine di un incubo per i fan dell'Uomo Ragno. Fino a questo ritorno sullo schermo, il ricordo di Spiderman era vincolato ai goffi film anni '70 in cui il nostro eroe scalava i muri come un free-climber involontariamente comico. Il suo costume aveva stivaletti da motociclista kitsch. Le sue avventure facevano ridere. Con questo film, tutto cambia. Super-gesta, effetti speciali, super-poteri del protagonista e dei suoi avversari, come il terrificante Goblin. Dopo il successo di "X Men" (2000) diretto da Bryan Singer Marvel trionfa sul grande schermo, e una nuova stagione ha inizio.

The Amazing Spiderman (2012)
Il reboot della saga di "Spiderman" avviene grazie a Marc Webb. Ispirandosi alla collana "Ultimate Spiderman" e pescando il titolo dalla storica prima collana in fumetto dedicata all'Arrampcamuri, la Marvel lancia nei cinema di tutto il mondo "The Amazing Spiderman". Effetti speciali da stropicciarsi gli occhi, un nuovo cast, nuovi personaggi in scena (come Gwen Stacy, la prima fidanzata realmente importante di Peter Parker) e un nemico da brividi: il lucertolone Lizard.

X-Men (2000)
Il regista di culto Bryan Singer ("I Soliti Sospetti") si fa convincere dalla Marvel e si butta in questo film supereroistico, pur non avendo mai letto fumetti, né conoscendo gli X-Men. Risultato? Un film mirabile, dove le tematiche della saga (rapporto mutanti/uomini, e rapporto mutanti buoni/mutanti cattivi) ricevono una luce particolare: Singer maneggia come pochi il thrilling e le ombre ambigue che dividono il Bene dal Male. Il cast è praticamente eprfetto, se si pensa al Patrck Stewart/Professor Xavier e al regale Ian McKellen/Magneto. Lo Hugh Jackman/Wolverine, poi, ipnotizza letteralmente i fan. Quanto agli effetti speciali, c'è da godersela.

Capitan America — Il primo vendicatore (2011)
Joe Johnston porta finalmente sullo schermo uno dei supereroi più amati di sempre, il mitico, patriottico Capitan America. Le origini del "supersoldato" lanciato contro il nemico nazista negli anni '40 sono avvincenti, curioso semmai è che a dare il volto all'Eroe sia quel Chris Evans che già aveva prestato muscoli e faccia da schiaffi al personaggio della Torica Umana ne "I Fantastici 4" (2005). In questa avventura, un cattivo fantastico, che le magie CGI rendono identico a quello nato sul fumetto: il Teschio Rosso.

I Fantastici 4 (2005)
Si deve al regista Tim Story la realizzazione del primo episodio de "I Fantastici 4" su grande schermo. Primo gruppo di eroi in costume nati in casa Marvel agli inizi degli anni '60, simbolo della rinascita del genere super-eroistico nel fumetto Usa, i fantastici 4 erano personaggi impossibili da rendere suu grande schermo fino ad oggi. Cioè, fino al trionfo della computer graphics: eccoli, dunque l'allungbaile Mister Fantastic, la Donna Invisibile (a proposito, è Jessica Alba: wow), la pietrosa Cosa e la Torcia Umana. Il loro nemico? Il cupo Dottor Destino.

Thor (2011)
Imprevedibilmente, è l'attore e regista "colto" Kenneth Branagh, specialista in trasposizioni cinematografiche delle opere di William Shakespeare, a portare sullo schermo il mitico Thor, il Dio del Tuono della mitologia nordica, dotato di martello magico e di un'avvenenza "vichinga" che, nel nostro mondo, prendono la forma dell'attore Chris Hemsworth. Il personaggio rinato in chiave moderna sui fumetti Marvel si presenta al pubblico, per tornare poi — a un anno di distanza — nelle file dei Vendicatori, in "The Avengers".

Iron Man (2008)
Super-eroe atipico (perché i suoi poteri sono figli della tecnologia) Iron Man fa trionfare letteralmente sullo schermo le potenzialità della computer graphics intrecciate con la più spettacolare messa in scena di sequenze action ("il supereroe più da intrattenimento", lo ha definito il regista Jon Favreau). Il multi-milionario venditore di armi Tony Stark resta gravemente ferito in Afghanistan: l'unico metodo per salvare il funzionamento del proprio cuore (e dunque della sua vita) è dotarsi di una speciale armatura sofisticata, con la quale, però, mascherato, il playboy nonché genio dell'elettronica può scorrazzare come eroe annienta-cattivi.

Ferruccio Gattuso

Ultimi post

Altri post >>