Mostra del Cinema di Venezia 2012: i film da vedere assolutamente

Dopo una scorpacciata di film, proiezioni, polemiche, capolavori veri e finti, bidoni annunciati e gradevoli sorprese, la Mostra del Cinema di Venezia 2012 è finita, le luci si sono spente e il Lido è tornato alla sua solita tranquilla routine.
Ecco cosa il cinema, e il pubblico, ricorderanno di questo 'snello' Festival.

Spring breakers
In realtà questo polpettone pornosoft-pulp-pop  girato come un videoclip anni '90 e pruriginoso come la pagina delle lettere del Cioé è perdibilissimo, ma quando arriverà nelle sale sarà un fenomeno e un tormentone, tutti ne parleranno e tutti vorranno andare a vederlo. Quindi posso sgolarmi fino a domattina per dirvi che è una cavolata, lo andrete a vedere lo stesso. Io non combatto le battaglie che non posso vincere.

Stories we tell
Bellissimo e personalissimo finto documentario autobiografico sulla ricerca del proprio padre biologico, da parte della regista e attrice canadese Sarah Polley.
Lirico, nuovo, ricercato, ironico. Vale il prezzo del biglietto.

Bella addormentata
Non è un gran film, ma  dato il polverone sollevato, forse è il caso di farsene un'opinione. E l'unico modo per farlo è guardare il film. Poi osannatelo o bruciatelo, fatti vostri, basta che lo facciate dopo e non prima.

Thy Womb
Ancora senza distribuzione italiana, il film di Brillante Mendoza, è forse il più bello della Mostra, capace di raccontare, sullo sfondo di una natura rigogliosa e incontaminata, il dolore e il dramma, ma anche l'amore, la devozione, l'appartenenza alla propria anima gemella, più forte di tutto, anche della cattiva sorte. Bellissimo

Bad 25
Documentario su Michael Jackson, sugli anni '80, la musica pop, il ghetto, il cinema, il successo, l'arte e un sacco di altre cose. Ottimo, ottimo davvero.

L.G.