Una star internazionale a suo agio al Festival di Roma 2012, missione impossibile n.9

jamesfranco

Dal nostro inviato al Festival di Roma.

E poi, l'ultima sera, incontri James Franco che, occhiali da sole e cappellino rosso, vaga con una ragazza per l'Auditorium. Indisturbato. Dicono: non sono venute le star. E anche: c'era soltanto il vecchio Stallone a reggere la baracca e il red carpet. E poi una star vera, come James Franco, se ne va a spasso per il Festival praticamente ignorato. Ieri ha tenuto una seguitissima masterclass, e ha presentato il suo cortometraggio, Dream. Oggi, curiosava in giro.

Tutto nasce dal gioco incrociato delle critiche. Non è un vero Festival perché non ci sono le stelle internazionali, dicono i detrattori di questa nuova gestione. Non è vero, i Festival vanno giudicati dai film, contare soltanto i vip sul red carpet è da provinciali, rispondono gli appassionati del Festival romano. E parlando dei grandi nomi che sono venuti meno, oggi è stata sollevata la questione Tarantino. Marco, perché ce lo avevi promesso? Ragazzi, ha risposto il direttore artistico, lasciamolo in pace, sta montando il film, c'è una promessa con noi, il suo prossimo film sarà in anteprima mondiale all'Auditorium. Vedremo.

Intanto, la missione impossibile, (dato il contesto), ovvero trovare una star internazionale che si sentisse a suo agio al Festival, l'abbiamo compiuta. Nei foyer dell'Auditorium, non abbiamo solo visto facce italiane - troppo italiane, da Francesco Mandelli a Checco Zalone. Anche un James Franco può sentirsi a casa al Festival di Roma.

Missione impossibile: trovare una star in giro per Roma

Status: compiuta

Ferdinando Cotugno

Twitter: FerdinandoC

Ultimi post

Altri post >>