La Memoria del Cuore

La memoria del cuoreLa memoria del cuoreSolo su Yahoo!

Nella storia del cinema non sono già state raccontate tutte le storie d'amore possibili? Questo si erano chiesto i produttori de "La Memoria del Cuore". Domanda validissima, e che avrebbero fatto bene a ripetersi una volta di più nella testa. Fare del buon cinema romantico, soprattutto originale, è impresa improba. Molto, se non tutto, è stato già detto. Conta quindi il "come" lo si dice. E i suddetti produttori, visto che i soldi ce li hanno messi, hanno evidentemente reputato che il film diretto da Michael Sucsy, interpretato dalla coppia giovane e good-looking Channing Tatum/Rachel McAdmas, in uscita nelle sale italiane il 25 luglio, avesse le caratteristiche per dire qualcosa "in più". Ma quando mai.

Pur ispirandosi a una vicenda realmente accaduta (a una coppia del New Mexico di cui parlarono a suo tempo i media Usa, e che scrisse in prima persona un libro in merito) "La Memoria del Cuore" sforna luoghi comuni e situazioni ampiamente rodate sul terreno della commedia sentimentale americana. Aggiungendoci un linguaggio e uno stile narrativo che rende "La Memoria del Cuore" un prodotto tagliato esclusivamente su misura di un pubblico tra i 18 e i 30 anni al massimo. Al centro della vicenda ci sono il prestante Leo (Tatum) e la graziosa Paige (McAdams), il primo titolare di una sala di registrazione musicale, la seconda scultrice discretamente quotata sulla piazza di Chicago. I due si incontrano, si amano, convivono, si sposano (anche se non è chiaro se siano realmente sposati, perché la storia non ci risparmia una stucchevole celebrazione fai-da-te in odore di arte e cultura all'interno di una sala di museo, tra dipinti e amici del cuore con facce insopportabili che si vorrebbero curiose e originali semplicemente perché vestono un cappellino o una cravatta insoliti). Tutto sembra andare al massimo, se non fosse che una notte, causa infida nevicata, la coppia rimane vittima di un grave incidente automobilistico. Da esso, Leo emerge con qualche acciacco, Paige purtroppo finisce in coma, per poi uscirne con la memoria azzerata. La missione di Leo dunque sarà una, e vitale: ricordare all'amata di essere suo marito, riconquistarla e farle capire che non può tornare a casa dai genitori (una mummiesca coppia composta da Sam Neill e dall'ex sex-symbol anni '80 Jessica Lange), che sbavano per riaverla e rieducarla alle regoline della buona borghesia di provincia, quando invece lei aveva rotto i ponti per guadagnarsi la libertà creativa. Idea buona per farci un copione, dite? Sì, però la crudele tassa allo spettatore ordita dagli sceneggiatori Abby Kohn, Marc Silverstein e Jason Katims (tre cervelli tre per partorire un topolino...) è che si debba passare attraverso scene zuccherose come il Tatum in piedi nella pioggia scrosciante ad attendere che l'amata, cameriera part-time in un bar, legga (all'asciutto) i bigliettini d'amore che il Sensibilone le ha scritto. Infine, non manca il luogo comune che vuole questa coppia artistoide e naturaliter "progressista" simpatizzante per il presidente Obama. Quando lei, smemorata chiede: chi è il presidente oggi?, il belloccio risponde: Obama, e hai pure votato per lui.

Ferruccio Gattuso

La Memoria del Cuore
Regia: Michael Sucsy
Cast: Channing Tatum, Rachel McAdmas, Sam Neill
Distribuzione: Warner Bros. Pictures
Uscita nelle sale: 25 luglio

Ultimi post

Altri post >>