Una donna per la vita

Margareth MadèMargareth MadèSolo su Yahoo!

Credeteci o meno, un tipo come Maurizio Casagrande (certo non Brad Pitt ne converremo tutti, pure lui) riesce a convincerci di un paio di cose in questa sua commedia — interpretata e diretta — dal titolo "Una donna per la vita", in uscita nelle sale il 21 settembre. La prima cosa è questa: è legato sentimentalmente a una disordinata, ritardataria, superficiale e modaiola (trash), ma anche indubbiamente avvenente ragazza di nome Marina (Sabrina Impacciatore), non ne può più perché, come spiega, una goccia dopo l'altra forma un mare e comunque scava la roccia. E le gocce, infinite, sono quelle delle sue disattenzioni continue verso di lui.

Difatti, la storia comincia con Maurizio (Casagrande, per l'appunto) in attesa sotto il sole d'agosto a una stazione di benzina, confuso dagli automobilisti per un addetto alla pompa, e per questo portato all'esasperazione. Maurizio, dunque, intende lasciare per sempre Marina, e rifarsi una vita. Più ordinata e tranquilla. Naturalmente, confida la cosa al suo migliore amico, il medico Paolo (Neri Marcoré). La seconda cosa stupefacente è che, dopo un grave incidente causato sempre dai bisticci con Marina, Maurizio se ne va e chi trova sulla sua strada? Una stangona bellissima e affascinante (o meglio: la storia ce la mette tutta per convincerci che sia affascinante, sul bellissima non si discute) di nome Nadine (Margareth Madè, modella catanese vagamente evocante Belén Rodriguez), chiropratica che lo rimette in sesto nel post-incidente, è precisa, puntuale, ordinata e sembra provare una forte attrazione per lui.

Possibile? La spiegazione sta tutta nel finale del film, che per correttezza non sveliamo ai nostri lettori. Basti solo sapere che Marina è molto di più di ciò che appare, e che Nadine, bè, è così perfetta da non sembrare vera. É conteso tra due belle donne, dunque, il napoletanissimo Maurizio che, circondato da una folla di personaggi-maschere partenopee (e una anche romana, il caratterista Maurizio Mattioli), in un circo di battute e equivoci da teatro popolare sudista, svela l'intento elementare di questa commedia: indirizzarsi a un pubblico geograficamente collocato al Centro-Sud. La sensazione è che Casagrande (che oltre che interprete e regista è anche co-sceneggiatore con Andrea Del Monte) abbia inseguito il cinema "alla Pieraccioni" (il tormentone dell'uomo comune in flirt con una donna dalla bellezza inaccessibile), ritrovandosi al traguardo con un prodotto "alla cinepanettone".

Ferruccio Gattuso

Una donna per la vita
Regia: Maurizio Casagrande
Cast: Maurizio Casagrnade, Sabrina Impacciatore, Neri Marcoré.
Distribuzione: Medusa
Uscita nelle sale: 21 settembre

Ultimi post

Altri post >>