Jean Dujardin censura una scena del nuovo film per non rischiare l'Oscar

Proprio sul più bello, qualcosa ha rischiato di rovinare il momento magico del personaggio del momento, Jean Dujardin. Era scritto in tutti i pronostici che l’attore francese avrebbe vinto l’Oscar per il suo ruolo in The Artist. Eppure, una scena del film Gli Infedeli, con Dujardin alle prese in modo un po’ troppo scanzonato con il delicatissimo tema dell’11 Settembre, ha rischiato di mandare a monte tutto e far perdere l’ambito premio.

Per (sua) fortuna, la scena è stata rimossa in tempo dal montaggio finale del film, così da non offendere il pubblico americano, che per una gaffe analoga aveva negato una meritata statuetta a Marillon Cotilard, anche lei francese, e strepitosa e meritevole di premio nel ruolo di Edith Piaf in La Vie En Rose. Purtroppo Marion aveva osato mettere in discussione nel corso di un’intervista la veridicità degli attentati.

Allo stesso modo, Dujardin avrebbe potuto turbare gli americani. La scena tagliata dal film lo vede nei panni di un marito infedele a New York. Jean dovrebbe essere in ufficio, e invece è con l’amante, in un albergo. E’ esattamente l’11 settembre, 2011, il giorno degli attacchi al Word Trade Center. Un momento che nel film è raccontato addirittura con brio comico. Perché la moglie lo chiama, lui risponde con le solite bugie: “Sì sì cara tutto bene”, proprio mentre crollano le due torri.

La scena è stata rimossa perché il testa a testa con Clooney per la statuetta è stato così serrato che anche il minimo errore di comunicazione sarebbe potuto risultare fatale. Invece, Jean è tornato a casa con una scena in meno. E un Oscar in più.

Diversamente da quanto insinuato dal Wall Street Journal, i nostri premi sono il segreto meglio custodito d'America, con la possibile eccezione di quel che George W. Bush combinò negli anni Settanta.- Billy Crystal
Questo è un momento di felicità e voglio baciarvi tutti perche voi siete l’immagine della felicità. - Roberto Benigni, ricevendo l'Oscar